Come amministrare i file su una macchina ubuntu remota?

Non ho molto esperienza di linux. Ho precedentemente gestito una macchina debian su una networking locale accedendo come root e utilizzando ftp come root. Ora sto lavorando con una macchina Ubuntu e wherer digitare sudo perché tutto è fastidioso ma gestibile. Tuttavia, non riesco a gestire i file perché non so come impostare un client ftp con la possibilità di manipolare file fuori dalla directory / home. Come devo andare su questo?

Ulteriori dettagli: Il sistema è un sistema di sviluppo locale per lo sviluppo del web. I motivi più comuni per cui ho bisogno di accesso ai file sono modificare i file di configuration di apache e mysql. Mi connetti a partire dal mio sistema di Windows XP usando il kit per terminal e filezilla per ftp. Idealmente vorrei essere in grado di utilizzare ftp per scaricare un file di configuration, modificarlo in un gui capito, e poi riportrlo sul server.

6 Solutions collect form web for “Come amministrare i file su una macchina ubuntu remota?”

Installare Webmin . È quindi ansible utilizzare il browser Web per accedere come root e utilizzare il module FileManager di Webmin per gestire file in qualsiasi punto dell'integer filesystem. Notare che FileManager richiede il supporto Java nel browser.

Webmin dispone inoltre di moduli che forniscono la possibilità di gestire le configurazioni Apache e MySQL dall'interface web. Non è necessario modificare i file di text.

Infine, anche se non collegato a Webmin in alcun modo, phpMyAdmin è una delle migliori (se non migliori) applicazioni di amministrazione di MySQL disponibili. Come Webmin, è un'applicazione web.

È ansible utilizzare winscp che è un client SFTP gratuito, FTP e SCP per Windows. È ansible copiare i file dal sistema Linux. Quindi, puoi modificare i file in Windows nel modo desiderato. Infine, è ansible copiarli (sovrascrivi) nel sistema Linux.

Se è necessario riavviare un servizio, è ansible utilizzare ssh .

In primo luogo, è necessario risolvere il tuo SSH, da cui puoi fare / tutte le cose suggerite qui per quanto riguarda l'esecuzione di x (pensa a questo come "desktop remoto"), la gestione di file, ecc.

Consiglierei di impostare SSH senza password con i tasti. Sono più sicuri (aspettate di iniziare a guardare tutti i tentativi di forza brutale nei tuoi log di authentication da bot che cercano di indovinare la password di ssh, mentre la mia è stata ridotta a zero quando ho distriggersto l'authentication della password e ho permesso l'authentication delle chiavi solo). Ci sono molti tutorial sul tema, probabilmente il metodo più semplice se la tua stazione di lavoro è Windows utilizza PuTTYGen dai creatori di PuTTY per creare una chiave pubblica e una chiave privata che sarà compatibile con WinSCP, PuTTY, ecc.

Se si desidera utilizzare qualcosa come WinSCP, è ansible modificare il sudoer config sul server per consentire il command sudo da eseguire solo per /bin/sftp-server senza richiedere una password. Dopo che è stato fatto, è ansible modificare WinSCP per eseguire sudo /bin/sftp-server per elevare i privilegi del process di sftp-server che WinSCP utilizza per gestire i file con protocollo di trasferimento file SSH (SFTP, da non confondere con FTPS). Questa procedura è trattata qui .

Ho sentimenti contrastanti su questo; Penso sia meglio accordare privilegi per l'utente ai file e alle cartelle che l'utente ha bisogno di modificare. vale a dire se si sta gestendo solo alcuni file / var / www, è ansible modificare la directory di sito / home / user / www e concedere all'utente appropriato Apache (www-data per Ubuntu) le autorizzazioni necessarie per leggere ed eseguire i file in quella directory o viceversa, e conceda all'utente il diritto di leggere e scrivere i privilegi a / var / www. Se si va quest'ultimo path, mi rendo più facile creare un gruppo chiamato "webdev" e aggiungere il tuo utente (e tutti gli altri utenti che potrebbero aver bisogno di modificare il sito) in quella directory.

In questo modo puoi automatizzare il process di promozione con gli script utilizzando strumenti come scp e rsync per ridurre gli errori che possono venire eseguiti con caricamenti manuali e / o modifiche di file.

La prima cosa che devi fare è elaborare un model per le autorizzazioni necessarie (a seconda del software che utilizza i file, gli utenti che richiedono l'accesso ecc.). Mi occupo di diversi sisthemes Linux – non uso mai ftp, block l'accesso root tramite ssh e raramente uso 'su' – OTOH cerco di evitare Ubuntu a causa dell'approccio insolito che occorre a varie cose, incluso l'accesso root.

Purtroppo senza sapere molto di più sui file modificati al di fuori di '/ home' è difficile dare consigli specifici. Consiglierei di guardare duro a scp / sftp però – ma dato che non hai fornito alcuna informazione sul sistema operativo client che stai usando per connettersi, è difficile dare consigli specifici (WinSCP per MSWindows? I pesci: wrapper in KDE?)

FTP forse non è una necessità. Hai considerato di utilizzare il delfino (o qualsiasi altro gestore di file su ubuntu) e di esportrlo attraverso il tunnel ssh? Ti risparmierà l'amministrazione FTP, le porte, le credenziali dell'utente, ecc …

Hai bisogno di un server X locale per questo, fornito per impostazione predefinita su Linux, ma sulle windows è necessario installare xming che è gratuito.

 ssh -Y remotemachine -l root (or any other sudoer) my_prefered_filemanager 

"delfino" è come l'esploratore di file per linux, è un gui per spostare i file.

"tunnel ssh" significa che sul programma verrà visualizzato il programma che si avvia sul server: cioè verrà visualizzata un'interface grafica sullo schermo, non sullo schermo del server.

"server X locale" è il server che riceve le informazioni dal programma in cui è stato avviato. Xming è un esempio di un server X per le windows. Lo si installa sul client Windows e attende una connessione in arrivo dal server.

1) scarica e installa Xming per le windows. Scaricare e installare anche font per Xming. Entrambi sono gratuiti, google per esso. Non dimenticate di eseguirlo dopo, apparirà con le icone vicino all'orologio delle windows. A questo punto non sarà ancora visibile alcuna window.

2) aprire il kit ma prima di iniziare la connessione, abilitare l'inoltro X, è nelle opzioni ssh di mastice, nell'tree sinistro, vicino alla parte inferiore. Salvare la configuration e avviare la connessione come hai fatto di solito. Questa impostazione è totalmente trasparente, se non si utilizza l'interface grapica in una session di stuccatura, non sarà alcuna differenza se il tunnel è abilitato o less.

3) provare il tuo tunnel: dalla tua shell iniziare qualsiasi programma che dispone di un'interface GUI, dovrebbe popup sul tuo desktop di Windows. per esempio start nedit, di gedit. Se è popup allora sei pronto. Ora è necessario avviare questo programma come root. provare a "sudo nedit" (quindi cercare il file che si desidera modificare dal menu file nedit). Se non funziona, devi prima "sudo -s", quindi avviare "nedit". nedit e gedit sono tipici, molto leggeri, programmi di editor. Forse avete un'altra installata in ubuntu che preferisci, puoi usare qualsiasi programma che vuoi, non è importnte.

Ho il secondo suggerimento di Steven. Webmin sarà uno strumento ideale da utilizzare nel tuo scenario. Sarai presto curioso con il resto delle caratteristiche e vuoi impararle 🙂

Suggerimenti per Linux e Windows Server, quali Ubuntu, Centos, Apache, Nginx, Debian e argomenti di rete.